Ciao mondo!!

Rieccomi qua ancora vivo e vegeto anche se al 50%. In effetti da quel maledetto 5 ottobre 2011, dopo 59 giorni di rianimazione e 30 in Chirurgia intensiva a Potenza e dopo un’intervento di 14 ore per la ricostruzione dell’esofago a Padova dico grazie al signore perchè mi ha miracolato e permesso di essere ancora qui ed a riaprire il mio sito.

In effetti ad oggi l’unico modo per comunicare con gli altri è lo scrivere su Facebook, Twitter, SMS, Email’s e da oggi anche sul web col mio sito in quanto la situazione tracheale non è delle migliori e di conseguenza non riesco a parlare.

Ringrazio tutti quelli che hanno pregato per me e so che siete stati in tanti nella preghiera durante le mie vicissitudini, e spero, attravero il mio piccolo sito, di potervi regalare pezzetti di codice per web o riportarvi qualche notizia strana che trovo sul web.

Voglio condividere con voi l’email, già condivisa su FB, di un mio carissimo amico, TEO di Matera, al quale gli dico grazie per le belle parole che mi ha scritto dandomi ancor di più la forza di lottare e tornare ad essere quello di prima ma migliore di prima.

Ciao Nicola,
sono molto contento di leggerti perchè quando ci siamo visti a Matera ero molto emozionato e non riuscivo ad avere la lucidità per esternarti la mia felicità nel ritrovarti vivo e vitale!
Per uscire dal mio blocco emozionale, ti ho fatto domande di lavoro ma in realtà era solo un modo per sbloccare il mio stato.
Mi avete fatto una grandissima sorpresa, solo il Signore conosce la grandezza.
Ti confesso che invidio all’infinito le tue figlie, io non ho avuto la stessa fortuna… a mio padre i tentativi di tenerlo in vita sono stati vani e la sua decisione di andersene in cielo è stata improrogabile, ma sono sei anni che non passa un giorno senza che il mio cuore e la mia mente riescono a trascorrere una giornata completamente felice, avere il papà è un grosso vantaggio, è una spalla certa anche quando sei nella merda, e la sua mano è sempre scontatamente aperta ad afferrare i propri figli che la cercano.
Quindi gioisco nel vederti, nel leggerti e nel sapere che sei stato, sei, e sarai PADRE!
Non entro in merito al perchè e al per come della tua decisione, sappi che rispetto e non condanno assolutamente le decisioni che riguardano la sfera personale, ma di una cosa sono certo che, come disse qualche decennio fà un grande, è forte chi non cade ma è più forte chi cade e si rialza!
Ti ho seguito nel tuo percorso critico a volte violando la tua privacy, ma Gianni è per un me un fratello e mi ha chiesto di interessarmi della tua criticità; con il mio autore e primario di due cliniche a Bologna (l’autore del libro che ti ho dato) abbiamo interpellato anche dei suoi colleghi e ci ha aiutato a risolvere alcuni dubbi che ci assalivano la mente, ma per me è stato un piacere ed un onore lottare per qualcosa che 6 anni prima non ho avuto la possibilità di fare con mio padre e sono orgoglioso di essere stato utile a Giovanni che, se ve ne fosse stato bisogno, anche in questa esperienza a dimostrato di essere una persona tutto cuore.
Ho attivato la mia rete di conoscenze terrene e ultraterrene (ho pregato tanto) affinchè tutto andasse per il meglio e grazie alla tua strordinaria forza di volontà il sogno è diventato realtà.
Mi hai dato una bella lezione: i sogni bisogna veverli!
Complimenti profondi.

Grazie ancora a tutti. N.L. aka nikynik